Ornella senza fine

Ornella senza fine, senza remore, né rimpianti. La lunga vita piena di musica, uomini, depressioni e rinascite di Ornella Vanoni sbarca alla 78. Mostra Internazionale di Arte Cinematografica con il film di Elisa Fuksas “Senza fine”, per le Giornate degli Autori. Poco o nulla nascondono gli 84 minuti del documentario, girato in un Centro benessere, nel quale la Vanoni è quasi sempre in accappatoio, a piedi nudi, talvolta in ritardo, spesso bizzosa, libera di mostrare le macchie sulla pelle delle mani, mani grandi, e le caviglie gonfie. 

Il film catartico racconta “il casino” con Gino Paoli, – “pensavo fosse frocio” –  l’amore tormentato per Giorgio Strehler, l’”adorabile” Gaber, “la voglia di tenerezza” di una donna che vive sola da 24 anni, il difficile rapporto con il figlio Cristiano. Tra un massaggio e l’altro, la cantante rende omaggio a se stessa con la formidabile arma dell’ironia e si capisce quanto si sia divertita a fare impazzire la troupe durante le riprese. Il 22 settembre saranno 87. “Nemmeno pensavo che esistesse questa età” dice. E infatti sta già pensando a un altro film.

Sfoglia la gallery
Visual Portfolio, Posts & Image Gallery for WordPress

Ornella Vanoni

L’abbraccio con la regista Elisa Fuksas

Una scena del film

Ornella Vanoni sul set

Una scena del film

Mani senza fine

Ornella Vanoni al Lido

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *